Solo Enduro - la casa degli Enduristi italiani

sei in:  test  |  TM EN125 my 2015

TM EN125 MY 2015

La 125 di casa TM

pubblicato

Prezzo: n.d.

Cilindrata: 125 cc



Prova TM EN125 my 2015

Dopo lunghe peripezie e test vari arriva la chiamata per la piccola di casa TM. Era da una settimana che aspettavo di provare la EN125 e ora finalmente si va. 

Il responsabile dei test mi da appuntamento al solito posto dove Soloenduro effettua i test.

Enzo e Nicholas sono gia la che aspettano. Scarichiamo le moto dal furgone, si parlo al plurale perché la TM ci ha anche consegnato anche la nuovissima sorellona da 300cc che sarà affidata a Nicholas Trainini, le moto fortunatamente non sono appena uscite dalla casa e ciò mi rallegra di non dover fare rodaggi o fare particolarmente attenzione alla moto nuova.  è un sabato pomeriggio assolato, terreno splendido, temperatura primaverile. Si parte. L’Iter classico che si svolge principalmente nel nostro tracciato di prova

Ricordo molto bene le caratteristiche del modello 2014 e sono ansioso di provare le novità della 2 tempi marchigiana, potendo così paragonate i due modelli e scoprire le migliorie.
La 125 come potenza e leggerezza è più adatta a me e posso sfruttare così la piccola nel pieno delle sue potenzialità.

Regolazioni di rito, vestizione e subito mi infilo in un sentiero conosciuto.

Come per il modello 2014 mi sento molto bene sulla 125, molto leggera e facile da gestire, una cosa mi sorprende il tiro che ha ai bassi regimi. La my2015 tira forte e tira fin da subito, anche quando calano i giri diventa facile ripartire grazie al generoso motore della ottavo di litro.
Già avevo una buona impressione del modello 2014 e devo dire che quest'anno è stata ulteriormente migliorata. La cosa che noto subito è l'rogazione, corposa e lineare per una cilindrata così piccola, pronta e piena da subito.

In salita, sempre con un minimo di velocità, il motore chiama la terza marcia, con rapporti
ravvicinati diventa un piacere aumentare il ritmo è la velocità.  Precisa e agile nei cambi di direzione, in mulattiera un poco alta per me, ma non è un problema della moto, il problema è mio.
Dovrei abbassarla un attimino per rendermela perfetta.

In discesa è precisa ma essendo una moto con un'impostazione racing, ha bisogno di un buon ritmo, la frenata è ottima e modulabile e non mi crea nessun problema anche nel viscido. Anche in discesa riscontro il problema altezza da terra... per me.

La sensazione iniziale, appena ci sali sopra è di dura, salterina ma appena si lasciano i freni e si inizia a prendere confidenza, la moto tira fuori la sua precisione ed anima corsaiola. 

Io consiglio sempre una regolazione personale anche se le forcelle sono già buone di serie.

Sul manubrio noto che anche TM ha inserito la doppia mappatura, provo a variare l'impostazione ma non percepisco grandi differenze, credo che su un 125 con un motore così rotondo sia difficile apportare grandi cambiamenti.  Proseguo la mia prova senza dare troppa importanza alle mappature.

Ci trasferiamo in un piccolo fettucciato/pistino e comincio a darci veramente dentro, il motore fischia e più incremento il ritmo più la moto risponde bene, va forte, cavolo se va forte. Le sospensioni reagiscono forse meglio sul veloce della pistina e il telaio della pesarese sembra qui da il meglio di se.

Credo che l'esperienza di TM nel mondo delle 2T non abbia bisogno di ulteriori dettagli, si nota  bene che ad ogni evoluzione si incrementano le prestazioni ed il rendimento di questi splendidi motori.

Nel complesso la ritengo una delle regine della piccola cilindrata e sinceramente sul calare del sole mi dispiace riportare la 125 a casa.

Ottimo test e non mi sento troppo affaticato, mi soffermo ancora un attimo a guardarla e a notare le belle finiture della marchigiana.

 

Grazie a Soloenduro e grazie a TM della gentile concessione.

 

Stefano Manek Somensini