Solo Enduro - la casa degli Enduristi italiani

sei in:  test  |  350/400/450/498 RR 4t

350/400/450/498 RR 4T

BETA RR 4t my 2014

pubblicato

Prezzo: n.d.

Cilindrata: n.d.



Ora tocca alle 4t.

La minore delle 4t, la 350cc

Confronto all’omonima del 2013, anche nel suo caso è stata migliorata la ciclistica. L’ho sentita molto più maneggevole nello stretto, ma nel contempo stabile nel veloce, quindi positivissima sia in fettucciato che nellalinea. L’ottimo freno motore, ti permette di usare meno i freni e di avere un’entrata in curva più stabile e precisa. Le sospensioni migliorate conferiscono alla moto maggiore stabilità e precisione, tra le 4t questa è quella che mi è piaciuta di più, quella con cui ho giocato maggiormente. La 350 4t ha un motoreche dà il massimo delle sue potenzialità se usato a gas aperto, ideale a chi piace smanettare, ottimo anche l’impianto frenante.

Pagella: Su questa cilindrata le migliorie hanno dato un apporto spettacolare, divertente e professionale

La 400 e la 450 cc

La quattrocento e la quattro e cinquanta le descrivo assieme, solo per poter spiegare meglio la differenza tra le due. Ciclisticamente quasi identiche, se non fosse per le diverse masse del motore, la guida a bassi regimi è praticamente identica, la diversità la percepisci aprendo il gas. La 400 è docile e controllabile ai bassi regimi ma potente e sicura quando il gas viene spalacato. Uguale alla sorella minore la 450, ma fino a metà gas, oltre, la potenza si fa sentire di più ma resta la sensazione di controllo. Entrambi più “cattive” del modello 2013, ma allo stesso tempo più gestibili grazie al telaio e alle nuove e rivisitate sospensioni.

Migliorate sensibilmente entrambi dal modello precedente.

Pagella: Nulla da dire, le consiglio a tutti dall’amatore al professionista, dipende solo dalla voglia che uno ha di impegnarsi alla guida.

La sorella maggiore: la 498 4t

Tra tutte le moto provate la 498 è quella che mi ha stupito di più. La 350 mi è piaciuta perché smanettona, questa invece per la sua gestibilità, non pensavo che una 500 potesse dare CV e controllo allo stessotempo in maniera così naturale. Il motore e le masse si fanno sentire a rispetto delle sorelle minori, certamente, ma è la gestibilità della potenza che strabilia. Io sono allenato è vero, ma questa mezzo litro mi ha affascinato, la cavalleria ti toglie sempre da qualsiasi impiccio, potente lineare e gestibile, che dire... La 498 già di serie è ottima e non mi meraviglierò se l’anno prossimo con qualche migliorie professionali, la vedròtra le alte classifiche dell’italiano e del mondiale.   E’ stato solo dopo aver provato l’erogazione di potenza della maggiore cilindrata BETA che ho capito che la 300 non aveva spazzi e vuoti tra la 2 e la 3 ma era una questione di rapporto “erogazione terreno”, l’erogazione della 300 è più “violenta” e sul duro scivoloso fatichi a trovare la marcia adatta, handicap risolvibilissimo con una doppia mappatura.
Spero di provarle al più presto su qualche mulattiera viscida e impestata della Bergamasca/Bresciana per un periodo più lungo, solo per capire e apprezzare ancora di più questi modelli.

Pagella della 498: La sua grande controllabilità abbinata alla potenza la rende ottima a tutti, professionista e amatore.

Tirando le somme, queste nuove BETA hanno fatto un passo avanti sia nella ciclistica che nella motoristica.
Ottimo progetto e credo di certo che BETA ci stupirà ancora per molto tempo.

 

4T 350cc  RR MY  2014   €  8720,00 iva compresa

4T 400cc  RR MY  2014   €  8720,00 iva compresa

4T 450cc  RR MY  2014   €  8720,00 iva compresa

4T 498cc  RR MY  2014   €  8770,00 iva compresa