Solo Enduro - la casa degli Enduristi italiani

sei in:  notizie  |  SONNY GOGGIA

SONNY GOGGIA

Mattatore del Campionato Italiano Estremo 2022

pubblicato


Sonny Goggia mattatore del Campionato Italiano Estremo 2022

 

4^ prova - Vigolzone (PC)

 

 Sono ben due Titoli Italiani conquistati dal valtellinese Sonny Goggia in questo combattutissimo Campionato Italiano Enduro Estremo 2022.

Titolo Italiano classe GOLD Galfer Brakes, per i soli piloti nazionali e Titolo Italiano classe ASSOLUTA Mitas che vede inclusi anche i piloti stranieri.

Finale col botto a Vigolzone (PC) presso la miniera del Cementificio Rossi, dove è andato in scena l'ultimo appuntamento stagionale dell'estremo, con la partecipazione di più di 120 concorrenti provenienti da tutta Italia e divisi in tre categorie per le quali sono stati realizzati 3 distinti percorsi con diverse difficoltà.

Il weekend dei giorni 17/18 settembre, è stato caratterizzato da un violento acquazzone che si è abbattuto nella zona la mattina del sabato, modificando la struttura del terreno di gara, parzialmente asciugatosi poi nel corso della giornata quando il sole è tornato a splendere. 

Il vulcanico Piergiorgio "Kalice" Calissandri, presidente del Motoclub Vigolzone organizzatore dell'evento, ha messo in campo diversi uomini e donne, ancora una volta all'altezza della situazione, utilizzando nella maniera migliore l'area di gara con ripidi saliscendi alternati a passaggi estremi nelle varie aree boschive intorno a questo vero e proprio "paese dei balocchi" off-road, che ha divertito tutti i partecipanti tra cui diverse "special guest stars" che hanno arricchito il parterre di atleti con la loro illustre presenza; Thomas Oldrati, il poliziotto delle Fiamme Oro reduce dall'ottimo 2°posto all'ultima edizione ISDE in Francia, Manolo Morettini e il giovanissimo junior Daniele Delbono, enduristi puri di grande caratura nazionale e internazionale preparatissimi altresì sui settori estremi, così come dimostrato fin dalle battute iniziali.

Dopo aver dato gas già il sabato durante le qualifiche, la giornata di domenica delle fasi finali, ha visto la vittoria nella ASSOLUTA Mitas del ventenne sudafricano di RigoRacing Mattew Green su Ktm, che all'ultimo giro di 7 effettuati, è riuscito a passare Sonny Goggia (Ktm), sempre al comando fin dal primo passaggio, nella cosiddetta zona "Frana", a causa di una caduta da parte dello stesso che lo ha rallentato di poco, cedendo la posizione di leader che in ogni caso ha conservato nella generale di Campionato, permettendogli di conquistare il titolo finale. Terzo classificato nella emozionante gara, Thomas Oldrati su Honda, l'unica 4 tempi che si è dimostrata tutt'altro che inadatta alla pratica dell'estremo come evidenziato in più occasioni. Oldrati ha lottato a denti stretti con lo specialista del Ciocco, Michele Bosi (Sherco), alternandosi più volte in terza posizione, regalando ai tanti appassionati momenti agonistici di rara bellezza.

La classe GOLD Galfer Brakes di giornata per i piloti nazionali, si conclude così con la vittoria di Goggia davanti a Oldrati e Bosi.

Per quanto riguarda le gare del Trofeo SILVER Costa Special Parts e SILVER JUNIOR Skinclaim con i piloti over e junior insieme, conquista la vittoria il giovanissimo diciassettenne emiliano Nicola Grossi in sella alla sua Rieju, che riscatta una stagione caratterizzata dai vari stop per infortuni, strappando una bella vittoria davanti all'agguerritissima "guest star" Daniele Delbono (GasGas) il quale ha tenuto botta agli attacchi del sanremese Davide Dall'Ava (Ktm) che di fatto ha cercato di controllare il più possibile la sua gara evitando errori, forte dei 19 punti di vantaggio sul suo diretto avversario Mattia Moscheni, lanciato così verso la vittoria finale del Trofeo SILVER 2022 conquistato con grande merito, davanti a Mattia Moscheni e Luca Spinelli.

La classifica di fine gara SILVER over vede salire sul 1°gradino del podio Davide Dall'Ava con il 2° posto del sud tirolese Maximilian Zerger (Ktm) e il simpatico Luca Spinelli  in sella ad una GasGas del TTR Squadra Corse ad occupare il gradino più basso.

La giornata della classe junior vede Nicola Grossi primo, Daniele Delbono al secondo posto e Marco Moser (Ktm) che risulta terzo.

La classifica di fine Campionato 2022 decreta la conquista del Trofeo SILVER JUNIOR Skinclaim ad opera del genovese Niccolò Camponovo (Husqvarna), che ha lottato per tutta la stagione con il francese di Sherco Academy Bruno Mammone il quale, a causa di un brutto infortunio alla gamba in allenamento, deve dare forfait a quest'ultimo appuntamento, cedendo di fatto la vittoria al suo diretto avversario. Terzo posto nel finale di stagione per il coriaceo laziale Lorenzo Talocci che ha domato la sua Ktm 125 cc.

Venendo alla classe BRONZE Anlas, si aggiudica la giornata Luca Albi (GasGas), dopo una lotta serrata e spettacolare con il veneto Davide Gnocco Soravia sulla Beta del team NSM di Mirco Miotto che tiene dietro il suo avversario di sempre Luca Monateri (Ktm), intento a controllare la sua gara, ottenendo un prezioso terzo posto che gli permette di aggiudicarsi così il Trofeo BRONZE Anlas 2022 con Soravia che mantiene la posizione n°2 e Luca Albi che chiude in 3° piazza.

Il "main event" della Infernal Mine, ovvero la temibile ascesa al cosiddetto "trono del diavolo", ha visto la partecipazione facoltativa di una quindicina di temerari riders che sembravano non aver risentito della fatica di qualifiche e gare, cimentandosi per due giri finali su un percorso appositamente allestito, al termine del quale bisognava riuscire a salire un muro verticale da brividi, rappresentato dalla sponda di un tratto della cava, con il numeroso pubblico presente ad incitare i piloti estremi spingendoli e incoraggiando con entusiasmo da stadio.

Si mette in mostra ancora una volta il "mattatore" Sonny Goggia (Ktm) che sale il muro per primo senza esitazioni, il quale può sedere sul trono di ferro con tanto di teschi e corna varie, lasciando a Mattew Green (Ktm) l'onore del secondo posto e Michele Bosi (Sherco) che sale a fatica sgambettando non poco, uscendo terzo dalla trappola di terra veramente infernale.

La manifestazione si è conclusa in zona podio con le premiazioni di giornata e di Campionato, con la consegna dei trofei e delle medaglie FMI poste al collo dei protagonisti da Franco Gualdi, coordinatore nazionale enduro della Federazione Motociclistica Italiana e Remo Fattori nelle vesti di presidente di giuria dell'Italiano Enduro Estremo.

I doverosi saluti finali e ringraziamenti del presidente "Kalice" del Motoclub Vigolzone hanno chiuso ufficialmente i battenti a suon di musica e successivo passaggio in zona ristoro tra sorrisi, sfottò e naturalmente l'immancabile birra.

Diversi premi a estrazione per tutti i piloti presenti, hanno arricchito lo spirito festaiolo della cerimonia di premiazione, vari treni di gomme Anlas, mousse anteriori e posteriori Risemousse, il buono da 150 euro messo ancora una volta a disposizione da CSP Costa Special Parts per il vincitore della SILVER, il premio in denaro di 100 euro consegnato dal principal di Skinclaim Ivan Albani ad uno junior e uno scarico racing messo a disposizione da Scalvini Racing che si sommano ai bellissimi trofei consegnati.

Un ringraziamento particolare va ai nostri preziosi sponsor e partner che hanno reso possibile la realizzazione di questa seconda edizione di un campionato che vede numeri di partecipanti e appassionati in crescita, in una disciplina del fuoristrada destinata a riscuotere ancora più interesse, così come visto in questa straordinaria annata 2022.

Grazie a: Mitas Moto, Galfer brakes, Gaerne boots, Canella abbigliamento, OnOff abbigliamento tecnico, Scalvini scarichi, Skinclaim underweare tecnico, Costa Special Parts, Anals pneumatici, Risemousse.

Arrivederci dunque al 2023 che si prospetta ancora più interessante ed avvincente.......

restate connessi e......... W L'ENDURO.....ESTREMO !

 

 

Ufficio Stampa: Franco Iannone - Italiano Enduro Estremo