Solo Enduro - la casa degli Enduristi italiani

sei in:  notizie  |  Italiano Enduro Estremo 2022

Italiano Enduro Estremo 2022

Olszowy si aggiudica la 2^prova

pubblicato


Olszowy si aggiudica la 2^prova
dell'Italiano Enduro Estremo 2022
Goggia il migliore tra gli italiani

2^ prova - Graffignano (VT)

Grande prestazione per Dominik Olszowy, il polacco del TTR Squadra Corse, in sella alla potente GasGas 300 2t , vince l'ASSOLUTA Mitas e si aggiudica la "Graffignano Hunger Games" vincendo davanti all'austriaco ufficiale GasGas Michael Walkner e al nostro portacolori Sonny Goggia che tuttavia firma la vittoria della classe "GOLD Galfer Brakes" riservata ai soli piloti italiani, relegando al 2°posto il veneto Diego Nicoletti su GasGas e Michele Bosi con la sua Sherco 3° classificato.

Quello appena trascorso è stato un weekend veramente impegnativo per i 116 piloti delle tre categorie, che si sono dati appuntamento nel centro Italia presso la graziosa Graffignano, ben nota località del viterbese, in occasione del 2° appuntamento stagionale con le ruote artigliate estreme e ancora una volta all'insegna del maltempo che ha contribuito a rendere le cose particolarmente complicate dal punto di vista della qualità di gara, con alcune zone invase letteralmente dal fango tipo "paludi cambogiane" e moto che sprofondavano in taluni casi fino al manubrio.

La pioggia ha martellato la zona a intermittenza già a partire dal giovedì, costringendo ad adeguare ogni cosa in termini organizzativi, ricorrendo in alcuni settori addirittura ai verricelli per liberare dalla morsa fangosa i concorrenti Silver e Bronze dove l'aiuto è consentito.

Buono lo sforzo logistico curato dallo staff del Motoclub Graffignano capeggiato dall'eclettico presidente Andrea Biagini, il quale si è prodigato senza risparmio con gli uomini del suo staff, approntando un percorso di circa 10 km, leggermente diverso rispetto a quello originario in una cava, dove erano sistemate diverse zone estreme, sulle quali si sono avvicendati concorrenti provenienti da molte parti della nazione e dall'estero.

Già dalle qualifiche del sabato, si è capito che non sarebbe stata una gara semplice per le tre categorie in gara, dove già dalla "BRONZE Anlas" si sono viste scene improbabili ad opera dei 24 piloti in competizione tra loro, su percorso dedicato e che hanno individuato in Luca Albi, Davide Soravia e Luca Monateri il tris d'assi con cui confrontarsi successivamente in gara.

Stessa cosa nelle qualifiche delle due classi più impegnative; la "SILVER Costa Special Parts", "JUNIOR Skinclaim" che ha dato ragione a Davide Dall'Ava tra gli over e al francese Bruno Mammone tra gli Junior e nella classe principale, la "GOLD Galfer Brakes" dove si è messo in bella evidenza il sudafricano di Rigo Racing Mattew Green con la sua performante Ktm 300 2t, pronto a darsi un gran da fare per restare tra i primi della classe.

Domenica 8 maggio alle 9.30 sono partite le sfide estreme, con l'ora e mezza dedicata alla "BRONZE Anlas" e gli impavidi partecipanti che hanno dovuto mettere in campo impegno e concentrazione ai massimi livelli per evitare perdite di tempo prezioso lungo in percorso.

 

Alla fine la spunta il tenace Luca Monateri su Ktm, davanti al veneto vincitore della prova di apertura Davide Soravia (Beta) e Luca Albi in sella ad una GasGas che ottiene il 3°posto.

Alle 12.00 sono scattate le operazioni di gara per la "SILVER Costa Special Parts" con Davide Dall'Ava (Ktm) partito subito forte e seriamente intenzionato a non mollare la presa sul percorso più complicato e "spacca braccia"; quasi due ore di intensa battaglia con il fango e i doppiati che si attardavano man mano che passavano i minuti: bissa la vittoria della Wild Woods Extreme lo stesso sanremese, dopo aver effettuato 3 giri in 1h48'31" con la direzione gara che ha interrotto anzitempo la sfida a causa di grossi problemi col fango in alcuni settori, che avrebbero procurato ulteriori intoppi sul programma. In seconda posizione Mattia Moscheni (Ktm) e Simone Scarella (Beta) sul terzo gradino tra gli over.

Anche in questa occasione Dall'Ava porta a casa il buono acquisto di €.150 offerto dallo sponsor CSP Costa Special Parts.

Si distinguono, all'interno della stessa classe i giovani under23 della "JUNIOR Skinclaim" tra cui "emerge" è propio il caso di dire, il pilota di Mentone (Fra) Bruno Mammone di Sherco Academy che sigla una bella vittoria davanti al 18enne genovese  Niccolò Camponovo in sella alla Husqvarna e Lorenzo Talocci su Ktm che termina al 3° posto aggiudicandosi il premio di €.100 in denaro, estratto a sorte durante la premiazione e messo a disposizione dallo sponsor torinese Skinclaim.

Dopo una breve pausa per accomodare il percorso in vista della sfida principale; la "GOLD Galfer Brakes", abbondantemente oltre le 15.30 scatta lo start dei piloti i quali cominciano subito a dare gas senza risparmio, nel tentativo di aver ragione delle numerose difficoltà del percorso loro riservato e più impegnativo per ovvie ragioni.

Chiude e vince completando 7 giri in 2ore, 16 minuti e 10 secondi, Dominik Olszowy pilota TTR Squadra Corse, che riesce a concludere in testa la "ASSOLUTA Mitas" approfittando delle difficoltà riscontrate dagli altri competitor nelle retrovie, collocandosi più in alto sul podio, dopo aver lottato in maniera "pesante" con il secondo arrivato Michael Walkner e al nostro Goggia nazionale giunto terzo.

Nella classifica "GOLD Galfer Brakes" riservata ai soli piloti italiani, come scritto in precedenza, Goggia figura 1° su Nicoletti 2° e Bosi in 3a posizione, rammaricato per aver commesso qualche errore di troppo, costringendolo dietro ai due là davanti.

Saluti e ringraziamenti per l'operato del prezioso staff dal commosso presidente Andrea Biagini e un grazie particolare al sindaco di Graffignano Piero Rossi, che intervenuto alla cerimonia di premiazione, ha ricambiato con un sorriso di soddisfazione per questa "Graffignano Hunger Games" inserita nel programma di questo intenso e vibrante Campionato Italiano di Enduro Estremo 2022.

Ora ci sarà una pausa di circa un mese, giusto il tempo per rimettere in piena efficienza mezzi meccanici, fisico e idee, per raggiungere la gradevole Torricella Sicura (TE) in territorio abruzzese, dove si svolgerà la "Headless Rider Extreme" valevole come 3^prova del Campionato Italiano Enduro Estremo, avanti tutta e.........

W L'ENDURO.........ESTREMO !

Franco Iannone

ufficio stampa Campionato Italiano Enduro Estremo