Solo Enduro - la casa degli Enduristi italiani

ISDE 2021

Pre-registrazione prorogata fino al 15 maggio

pubblicato


Pre-registrazione prorogata fino al 15 maggio

ISDE 2021

Proseguono a grandi passi i lavori della International Six Days Enduro 2021 ed il Comitato Organizzatore, in accordo con le federazioni internazionale FIM e nazionale FMI, posticipa la chiusura della preiscrizioni.

Pur nelle difficoltà della attuale situazione pandemica, il Comitato Organizzatore della Six Days 2021 procede rapidamente nei lavori di preparazione dell’evento che si svolgerà da lunedì 30 agosto a sabato 4 settembre tra Lombardia e Piemonte con base e paddock all’aeroporto di Voghera Rivanazzano Terme. Auspicando in un miglioramento della situazione sanitaria, gli organizzatori hanno progettato alcuni piani di fattibilità e confermano senza ombra di dubbio che la manifestazione si svolgerà regolarmente, applicando eventualmente i protocolli che si rendessero necessari.

Intanto è stato deciso un prolungamento del periodo di preiscrizione che non si chiude a fine marzo bensì il 15 maggio.

Sul fronte delle squadre nazionali è già prevenuta l’adesione della nazionale degli Stati Uniti, detentori del Trofeo dalla ISDE portoghese del 2019, poi, sempre per il World Trophy, di Belgio, Brasile, Repubblica Ceca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, Irlanda, Israele, Messico, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Slovacchia (Repubblica slovacca), Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito, Stati Uniti, Venezuela. Iscritte anche le squadre del trofeo Junior per le formazioni di Belgio, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Germania, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito, Stati Uniti. La classe Junior Trophy, al momento, schiera invece Belgio, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Germania, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito, Stati Uniti.

Sei le federazioni nazionali che hanno già iscritto la squadra femminile: sono Germania, Portogallo, Spagna, Svezia, Regno Unito, Stati Uniti.

In tutti i conteggi mancano ancora le formazioni della nazionale azzurra che presenterà le sue carte a giorni. Numerosi anche i team di club iscritti, provenienti da ogni parte del globo.

Grande lavoro sotto il profilo organizzativo per quanto riguarda il rapporto con il territorio delle province di Pavia ed Alessandria, che è pronto ad ospitare il mondiale a squadre ISDE: si sono svolti nel mese di marzo numerosi incontri con le Autorità Locali per rileggere ed approfondire gli accordi già presi del 2019 in previsione della poi rinviata edizione 2020. Il Comitato Organizzatore ha incontrato il Sindaco Fabrizio Fracassi di Pavia, città capoluogo della provincia – dove sabato 28 agosto si svolgerà la parata di presentazione – che ha garantito ogni supporto all’evento. Incontro proficuo anche con la Dottoressa Paola Garlaschelli, Sindaco di Voghera, città a pochi chilometri dal paddock, che ha anche in questo caso previsto la massima accoglienza. Si sono poi succeduti anche gli incontri con l’Amministrazione della Provincia di Pavia, la Camera di Commercio, i comuni del territorio di gara ed altri importanti Enti.

« Guardiamo la situazione con fiducia – ha detto Edoardo Zucca, membro del Comitato Organizzatore responsabile del marketing e di una parte dei rapporti con le autorità – la Sei Giorni 2021 si svolgerà in ogni caso: stiamo valutando vari piani, e nella peggiore delle ipotesi potremmo dover prevedere lo svolgimento con l’accesso al paddock solo ai piloti ed agli addetti ai lavori, ma credo che con il progresso nelle vaccinazioni e con l’arrivo della stagione estiva la situazione possa decisamente migliorare. Lo speriamo tutti, per tutto, non solo per la ISDE. »

« Abbiamo prolungato le preiscrizioni di concerto con la Federazione internazionale per dare modo a tutti coloro che sono ancora indecisi causa la pandemia di valutare la situazione – ha spiegato Valter Carbone, membro del Comitato Organizzatore – ci sono nazionali importanti, forti protagoniste delle passate edizioni, che sono ben intenzionate a partecipare, ma non hanno ancora la possibilità di programmare i voli e si trovano in scenari al momento difficili da gestire, quali possibile quarantene alla partenza ed all’arrivo ed ogni altra complicazione che possiamo immaginare al momento. Guardiamo però avanti con la speranza che ci sia un miglioramento in tutto, soprattutto grazie alla campagna vaccinale. »