Solo Enduro - la casa degli Enduristi italiani

sei in:  notizie  |  LAIA SANZ PORTA A TERMINE LA SUA 10 DAKAR CONSECUTIVA

LAIA SANZ PORTA A TERMINE LA SUA 10 DAKAR CONSECUTIVA

Conquistando la 18° posizione finale

pubblicato


LAIA SANZ PORTA A TERMINE LA SUA 10 DAKAR CONSECUTIVA
LA PILOTA DI GASGAS FACTORY ENTRA NEL LIBRO DEI RECORD SEGUENDO IL SUO 18 ° POSTO 2020 DAKAR RALLY

Continuando il suo incredibile record di Dakar Rally, Laia Sanz di GasGas Factory Racing ha nuovamente raggiunto la fine del rally più duro del mondo. Portando la sua GasGas RC 450F a casa al 25 ° posto nella dodicesima e ultima tappa di oggi da Haradh a Qiddiya, la stella motociclistica spagnola è salita ancora una volta sul podio della Dakar con un risultato complessivo al 18 ° posto di tutto riguardo.

Laia completa con successo la Dakar di 7.123 km 2020 a bordo del suo GasGas RC 450F Finendo 18 ° assoluto Laia guadagna un incredibile decimo consecutivo alla Dakar Dopo due settimane di gare, Laia è di nuovo la concorrente femminile più alta Laia Sanz: “Ricorderò molto di questa Dakar. Certo, ricorderò Paulo, un vero guerriero Dakar. Quindi, ho emozioni contrastanti. Lo ricorderò anche perché è la gara in cui sono riuscito a iniziare e finire la mia decima Dakar consecutiva, questo è qualcosa di cui sono molto orgoglioso. Penso di essere il primo pilota spagnolo a farlo. Dakar non è mai facile, ma quando hai un incidente diventa molto più difficile.

Quindi, sono contento di essere riuscito a superare tutto e finire la gara, e anche a essere stato il primo pilota a rappresentare GasGas Motorcycles. Non è stato il massimo per me in termini di risultato complessivo: dopo il mio incidente sul secondo stadio stavo guidando molta polvere e la velocità media era un po 'troppo alta per me durante la seconda settimana. Sono orgoglioso di ciò che ho realizzato e voglio ringraziare tutto il team di GasGas Factory Racing per il loro supporto. "

Completando con successo la tappa della maratona dell'evento, oggi Laia ha dovuto affrontare una tappa di 447 chilometri e uno speciale di 374 chilometri. Per fortuna, la giornata conclusiva della 42esima edizione del Dakar Rally è passata senza problemi per lo spagnolo, permettendole di concludere quelle che sono state due settimane di gare mentalmente e fisicamente difficili in Arabia Saudita.

Con la speranza di raggiungere la top 15 della classe motociclistica nel 2020, Laia ha iniziato con cautela la sua campagna Dakar prima che una sfortunata caduta nel primo giorno della fase della super maratona le impedisse di progredire. Danneggiando la sua attrezzatura di navigazione, e con la sua squadra non autorizzata ad aiutarla, è stata costretta a cavalcare, trascorrendo spesso grandi quantità di tempo catturato nella polvere dai cavalieri davanti a lei. Procedendo con cautela, Laia lottò per raggiungere la giornata di riposo di metà gara.

L'inizio della seconda metà del Dakar si è rivelato estremamente difficile per Laia e l'intera famiglia Dakar, dato che Paulo Goncalves - un pilota che Laia conosceva bene - ha tragicamente perso la vita. Annullando la tappa 8 in omaggio a Paulo, la competizione è ripresa sul palco nove con Laia che ha completato con successo la giornata di 886 chilometri. Non correndo rischi, Laia ha quindi completato le fasi della maratona dell'evento per spostarsi a breve distanza dal traguardo.

Nel completare la dodicesima ed ultima tappa, Laia non solo ha consolidato la sua posizione di pilota femminile di motociclette n. 1 al mondo, ma ha raggiunto la fine del decimo Dakar consecutivo diventando una vera leggenda della Dakar.