Solo Enduro - la casa degli Enduristi italiani

sei in:  notizie  |  GERINI RECUPERA POSIZIONI

GERINI RECUPERA POSIZIONI

Rallye du Maroc

pubblicato


Immagine
 
Morocco Rally EDU1647.jpg rid

GERINI RECUPERA POSIZIONI IN UN RALLYE DU MAROC CHE FATICA A TROVARE IL RITMO

La speciale è finita da ore quando la classifica di moto e quad fa la sua comparsa sul sito ufficiale della gara organizzata da ODC Events. Colpa forse di qualche problemino con le neutralizzazioni che potrebbe costare più di qualche penalità stasera e quindi l'organizzazione si è ritrovata a combattere con conteggi, controlli, classifiche. Alle 15,23 ora marocchina il sito decretava pronta e pubblica la classifica moto, ma in realtà ci sono volute le 17,40 per leggerla sul sito ufficiale.
Insomma, non è stata affatto una giornata facile questa prima del Rallye du Maroc 2019. Oltre alle classifiche infatti, ci si è messa anche la tappa stessa con il taglio della prima prova speciale. Ci si aspettava una prima tappa semplice, lunga magari, ma non troppo complicata, per prendere le misure alle moto, ai piloti stessi, al nuovo road book colorato, alle piste marocchine, e invece no. Prima di tutto ci si è messo il tempo che stamattina ha svegliato i piloti con un bel cinque gradi di temperatura, e poi la direzione gara che ha annullato la prima ps regalando quindi, al pronti via delle 5,30, un bel trasferimento da 243 chilometri. Una bella sorpresa che in parte era stata già annunciata la sera prima, come racconta lo stesso Maurizio Gerini: "In effetti ci erano state consegnate le modifiche al road book della prima tappa e ci siamo resi conto già ieri che la prima prova speciale era stata tagliata completamente. Così si è allungato il trasferimento e siamo entrati in speciale, a questo punto l'unica della giornata, alle 10".
Dopo una scorpacciata di freddo i piloti hanno cominciato a scaldarsi in prova speciale - 226 i chilometri previsti - e ora si stanno riposando al bivacco, in mezzo al deserto, con un caldo asfissiante che fa pensare al Panafrica appena concluso e alle sue alte temperature.
Maurizio Gerini e la sua Husqvarna in classifica stasera occupano la 26. posizione -sia nella classifica generale che in quella di tappa- ma appunto, il calcolo delle penalità potrebbe cambiare qualche cosa nelle posizioni davanti. Gerry ha circa 20' di distacco dal primo ma almeno domani non avrà nessun quad davanti, al momento del via.
"Non propriamente una bella speciale per me oggi perchè ho avuto la sfortuna di partire con ben due quad davanti: uno era quello di Ignacio Casale, il cileno, che partiva trenta secondi prima di me, e l'altro era quello del francese Alexandre Giroud che partiva un minuto e mezzo prima. Superarli è stato tragico perchè i quad alzano una polvere spaventosa e non riesci ad avvicinarti abbastanza. Quando mi facevo sotto prendevo dei rischi eccessivi nella loro scia e così ero costretto ad allontanarmi. Per fortuna Casale ad un certo punto mi ha visto e mi ha lasciato passare, e lo stesso dopo un bel po' di chilometri ha fatto anche il francese, ma ormai avevo perso talmente tanto tempo che recuperare era impossibile. Ho fatto qualche altro sorpasso, cercando di recuperare posizioni per partire meglio domani, nella seconda tappa".
E a proposito di seconda tappa domani comincia la serie delle speciali ad anello con partenza ed arrivo nei pressi del bivacco, ricavato non lontano da Erfoud. I piloti affronteranno una tappa da 435 chilometri con un primo trasferimento da 49 km e poi una unica prova speciale di 385,97 chilometri.
Le classifiche si potranno consultare su https://registrorm.odcevents.com/live/live_00.asp?stip=R02

Percorso Marocco 2019
Morocco Rally EDU1637.jpg rid

 

Motoclub AMX