Solo Enduro - la casa degli Enduristi italiani

sei in:  notizie  |  TEAM SOLARYS DAKAR - DAY5

TEAM SOLARYS DAKAR - DAY5

Cerutti fuori - Gerini risale la classifica

pubblicato


TEAM SOLARYS DAKAR - DAY5
JACOPO CERUTTI FUORI - GERINI RISALE LA CLASSIFICA

Trasferimento > 197 km - Speciale > 517 km – Tot 714 km

Seconda giornata della Tappa Marathon.  Non buone notizie per il nostro Jacopo Cerutti, costretto al ritiro a causa di una caduta. In un tratto veloce Jacopo, si è trovato tra due coni di polvere e non è riuscito a  vedere in tempo un grosso sasso. Il pilota Solarys non è riuscito a evitarlo e l’impatto è stato violento. Moto praticamente distrutta, ma  grazie al cielo Jacopo non ha riportato nessuna contusione grave.

Meglio è andata a Maurizio Gerini che ha concluso la giornata in 17^ posizione. La partenza di questa seconda sezione della Tappa Marathon è stata  posticipata per nebbia. La spiegazione fornita dell’organizzazione è stata che l’elicottero del soccorso non poteva alzarsi in volo, quindi, come noto, senza assistenza la gara non può aver luogo. Le moto perciò hanno preso il via dal bivacco di Moquegua alle ore 08,00 locali, le 14,00 italiane, dieci alla volta.
La carovana è risalita verso nord per  arrivare a Arequipa dove finalmente i piloti avranno una giornata di riposo.

Jacopo Cerutti: “ Purtroppo la mia avventura in questa edizione della Dakar, si è fermata al km 160, a causa di una pietra nascosta della maledetta polvere che m’ipediva la vista, mentre stavo percorrendo un tratto di fuoripista veloce. La moto è distrutta. Io ho fatto un volo pazzesco, ma a parte qualche ammaccatura non grave, posso dirmi fortunato di esserne uscito illeso…fuori. Dentro sono distrutto, amareggiato, proprio adesso che stavo guidando bene ed ero nella posizione in cui ho desiderato tanto essere, senza contare che c’era ancora tanto da fare e sapevo di poter far bene!! Ringrazio il Team Solarys, gli sponsor, e tutti coloro che mi hanno sostenuto. E’ stata comunque una bella emozione”

Maurizio Gerini: “ Giornata positiva per me quella di oggi. Finalmente sono riuscito a riprendermi un po’ fisicamente, a mangiare qualcosa stamani, che mi ha dato un pelo di energia in più per affrontare il percorso, permettendomi di spingere un po’ di più. Speciale difficilissima, tantissimo fesh fesh che nascondeva un terreno insidioso, al limite del pericoloso. Sul finale invece il target della difficoltà lo hanno segnato le dune stile montagne russe, al limite dell’impossibile, che hanno costretto un po’ tutti a vari saliscendi per poterle superare. Il sole a picco, oltre alla polvere, contribuiva a rendere davvero scarsa la visibilità. Sono comunque contento della mia posizione. Adesso trasferimento e domani finalmente riposo, mi ci vuole proprio.”

Domani giornata di riposo

TUTTE LE CLASSIFICHE