Solo Enduro - la casa degli Enduristi italiani

sei in:  notizie  |  VIVERONE GARA SFORTUNATA

VIVERONE GARA SFORTUNATA

IP-Enduro Team

pubblicato


IP-Enduro Team
Italiano Under 23 / Senior – Viverone

Viverone gara sfortunata.

Stretti nella morsa del fango, gli atleti dell'Ip-Enduro Team non hanno potuto fare molto se non
correre al massimo delle loro possibilità. Viverone, location scelta per la seconda prova
dell'Italiano Under 23 - Senior, ha visto, domenica, un risveglio sotto un violento acquazzone che
fino alle prime luci dell'alba ha martoriato il percorso già inzuppato dalle piogge dei giorni
precedenti la gara. Pioggia che non ha dato tregua, da metà gara in poi, agli oltre 300 concorrenti
verificati che hanno lottato nelle due speciali ricavate nelle colline adiacenti il lago.

Una linea molto selettiva con una pietraia intervallata a tratti di sottobosco che si sono via via
trasformati in paludi dove molti piloti hanno incontrato non pochi problemi già durante il primo
passaggio, cosa che ha fatto decidere alla direzione gara la sospensione della seconda run
cronometrata per dare modo a chi ancora lottava nella morsa del fango, di uscire.

Il tracciato prevedeva poi un tratto abbastanza impervio di trasferimento che conduceva al Cross-Test,
divenuto con il passare delle moto, molto scivoloso e ricco di canali che obbligavano tutti alla mono-traiettoria.

Difficile e fisico, sia per i piloti che per le loro moto, nessuno dei ragazzi dell'IP-Enduro Team è riuscito a terminare la gara.

Davvero un peccato per Federico Mezzini che ha dovuto desistere dal rimuovere la propria Beta300RR 
dal fango in cui si era impantanato ed aspettare "i soccorsi" quando mancava una sola speciale alla fine.

"Sono molto rammaricato per l'epilogo della mia gara. Stavo andando bene nonostante la
selettività delle speciali. La linea era davvero molto difficile. Moltissimo fango e le pozze d'acqua
non permettevano di capire gli eventuali buchi trovati sul percorso. Il cross test invece era davvero
viscido e il fango ti si attaccava alla moto facendo aumentare il peso e rendendo la guida molto difficile.
Ho fatto esperienza e questo bagaglio mi servirà sicuramente alla prossima gara
".

Peccato anche per Lorenzo DeBiasi e Alessandro Rutto che hanno fatto solamente due prove speciali
prima dell'abbandono. Anche per loro guai con la moto: De Biasi è arrivato al CO3 con un solo
radiatore prima che la sua Beta 50 si spegnesse definitivamente, mentre per Rutto il percorso
selettivo ha fatto la differenza per il sul Valenti 50.

"E' la mia seconda gara. Non è certo il massimo partire con queste condizioni meteo ma sono
comunque contento di aver portato a termine almeno un giro di un percorso così impegnativo.
Ero un pò preoccupato sabato di quello che avrei trovato e come lo avrei affrontato ma ora so
di potercela fare e questo mi da molta fiducia per il futuro
", il commento di De Biasi a fine giornata.

Ora per tutto l'IP-Enduro Team è tempo di allenamento in vista della gara di Farigliano che ospiterà
la seconda tappa del Campionato Regionale Piemonte2019.