Solo Enduro - la casa degli Enduristi italiani

sei in:  notizie  |  Italiano Enduro Under 23-Senior

Italiano Enduro Under 23-Senior

Terza prova a Santo Stefano Belbo

pubblicato


Italiano Enduro Under 23-Senior - Terza prova a Santo Stefano Belbo

Ancora una bella gara sulle colline dell’Appennino piemontese, fra vigne e noccioli delle Langhe. Così il campionato italiano di Enduro Under 23-senior ha superato la metà del suo cammino,con lo svolgimento della terza prova in programma a Santo Stefano Belbo, a cavallo fra le provincie d Asti e Cuneo. Ancora tanti piloti al via ,e …anche parecchi ritiri ,a testimonianza del fatto che gli organizzatori del Moto Club Alfieri hanno preparato una gara impegnativa ,sicuramente la più dura di quelle disputate fino ad ora. Le tre prove speciali svolte in ognuno dei tre giri ,una di cross country , una in mulattiera e una estrema , hanno alla fine deciso le classifiche.

Per il Team SISSI RACING non è stata una giornata particolarmente positiva, anzi…infatti uno dei piloti di punta del team cremasco , Robert Malanchini,  è caduto in modo rovinoso durante l'ultima prova in linea ed è restato a terra privo di conoscenza. Soccorso dall'ex compagno di team Mauro Zucca (grazie , Mauro!!), dopo che diversi piloti erano passati incuranti dell'incidente(!!!), Robert è stato portato d'urgenza all'ospedale ,dove fortunatamente venivano scongiurare fratture e lesioni interne. È un leone ,si rimetterà in fretta !!!. Purtroppo però, con un ritiro, svanisce per lui la speranza di conquistare il podio finale in campionato. Subisce una sconfitta anche Federico Aresi , che pure con la sua Ktm 300 aveva vinto ,dominandole ,le prime due prove di Campionato.

Stavolta non c'è stato nulla da fare contro un fortissimo Gardiol, che certamente (e giustamente…) ha approfittato della gara di casa ,ma Aresi ha comunque corso sottotono e lo dimostra la sua posizione nella classifica assoluta. E adesso il campionato si complica per il pilota del team Sissi Racing, perché Gardiol è un rivale molto forte ed avergli dato la possibilità di rientrare in gioco ,dopo due vittorie consecutive , può dargli una carica in più per le ultime decisive gare. Anche l'altro pilota under 23 del team cremasco che aveva centrato due vittorie nelle prime due gare ,Enrico Zilli, non è riuscito a portare la sua Ktm 350 alla terza vittoria consecutiva ,concedendo al toscano Pampaloni il primo posto. Enrico ,però, al contrario di Chicco ,ha lottato fino all'ultima prova speciale, e per la verità la sua sconfitta è molto legata a un clamoroso errore di percorso nella prima prova in mulattiera che gli ha fatto perdere parecchio tempo. Comunque Zilli ,così come Aresi ,resta al comando del Campionato Italiano.

Chi invece ha vinto senza troppi problemi è stato Nicolò Bruschi, che ha dominato fra i Senior della classe 250 . Nicolò ha portato la sua Ktm 250 2t a vincere otto delle nove prove  speciali in programma e per lui la vittoria non è mai stata in discussione. Inutile dire che per lui la leadership in campionato è più che mai solida. Nella classe di Nicolò,  ottimo quarto posto per Michele Flaviani ,che con Bruschi, Trapletti (9°nella 250 4 tempi) e  Malanchini formavano la squadra del  team Sissi Racing dei Senior. Purtroppo il ritiro di Malanchini ha relegato il team al secondo posto nella classifica finale di giornata.

Però il team cremasco si è rifatto vincendo la classifica dei team under 23 ,con Aresi ,Zilli e Capoferri. Quest' ultimo autore di una bellissima gara che lo ha visto terminare terzo nella 125 junior, dimostrando di essersi ormai quasi completamente ripreso dall’infortunio al ginocchio che lo ha tenuto fermo per quasi sei mesi e lo ha costretto a saltare la prima prova del campionato italiano. In attesa della ripresa degli Assoluti d'Italia, prevista a metà giugno , domenica ci sarà la prima prova del Campionato Lombardo under-senior-territoriali a Lovere ,con l'organizzazione del Moto Club Costa Volpino, club che per anni ha dato al team di Crema piloti eccellenti ,come Mirko Spandre ,Fabio Volpi ,Matteo Merli e Patrick Grigis.