Solo Enduro - la casa degli Enduristi italiani

sei in:  notizie  |  2° PROVA C. ITALIANO TRIAL

2° PROVA C. ITALIANO TRIAL

1° P. TROFEO NAZIONALE JUNIORES

pubblicato


Grattarola (TR1) e Spreafico (TR3 125) bissano la vittoria della prova di apertura, a podio anche Rabino (TR3 125) e Feltrin (Jun. C)

Garessio, 1 maggio 2016

Anche  questa seconda prova del tricolore trial si è corso con la formula delle 10 zone per 3 giri da percorrere in 7 ore;  la prima ed ultima no-stop sono state tracciate con ostacoli artificiali all'interno del paese, mentre le restanti otto sono state ricavate nel sottobosco con pietraie, fiume e terra.

Grattarola dopo il "solito" avvio al rallentatore ha piano piano preso il ritmo giusto vincendo così sia la TR1 che la INTERNAZIONALE; sempre nella TR1 Maurino è stato in lotta fino alla fine per una posizione sul podio ma al termine della gara è solo 4°. Nella TR3 125 nonostante un infortunio al ginocchio rimediato in allenamento, Spreafico ha stretto i denti ed ha conquistato la seconda vittoria stagionale; alle sue spalle in 2° posizione il compagno di club Rabino  che lo ha tallonato tutta la gara. Nella TR3 buona prestazione per Gautiero che termina la gara al 7° posto ma sempre più vicino al podio, mentre Franco è solo 23° a causa di qualche inconveniente tecnico. Nella cat. TR2 giornata difficile per Gandola che fatica a trovare il feeling con terreno e non va più in la di un 9° posto.

Nel Trofeo Nazionale Juniores nella Jun. B ottima prestazione per Feltrin, che dopo un primo giro in sordina recupera e termina in 3° posizione; nella stessa categoria Danelon chiudue 10°. Brunisso (Jun. C) dopo un buon avvio cade nel corso del terzo giro rimediando una brutta botta, perdendo una probabile posizione sul podio e chiudendo con una positiva 5° piazza.

I commenti del tecnico Fabio Lenzi:" Anche oggi sono soddisfatto del lavoro di tutto il gruppo; direi che 4 atleti a podio con due vittorie sono un ottimo risultato ma anche oggi abbiamo trovato nuovi spunti su cui lavorare per continuare a migliorare ed a crescere. Nei prossimi allenamenti cercheremo di lavorare su questi nuovi elementi. Oggi le zone sono state molto varie e tecniche, inoltre il terreno umido ha reso tutto più insidioso. Per fortuna che non ha piovuto, altrimenti la gara nel complesso sarebbe divenuta ancor più impegnativa. Congratulazioni a tutti i ragazzi ed hai rispettivi team per l'ottimo lavoro svolto"