Solo Enduro - la casa degli Enduristi italiani

sei in:  notizie  |  PORTICO DI ROMAGNA (FC) 02/10/16

PORTICO DI ROMAGNA (FC) 02/10/16

5A PROVA CAMP. ITALIANO MOTORALLY 2016

pubblicato


5A PROVA CAMP. ITALIANO MOTORALLY 2016 - PORTICO DI ROMAGNA (FC) 02/10/16

Portico di Romagna ha ospitato la 5^ prova dell’Italiano Motorally. Un plauso al Motoclub Trivella per esser riuscito a portare a casa una gara diventata improvvisamente complicata a causa delle abbondanti piogge cadute nelle giornate precedenti. Alla fine della difficile giornata di gara, si è deciso di validare i tempi solo dalla nota 145 della PS 2. I tre piloti del Team Solarys Racing si sono destreggiati con alterne fortune lungo le difficili prove del 2° Rally Terre di Romagna.

Maurizio Gerini (Husqvarna FE 250): “sarà strano, ma non sono contento della mia gara. Ho vinto la mia classe (B-125), sono arrivato 2° nella generale ma non sono soddisfatto. Le speciali si addicevano alle mie caratteristiche e a quelle della moto, ma non sono entrato in sintonia con il percorso di gara. Mi sentivo contratto e non ho guidato come so fare. la cosa positiva è che sono riuscito a fare un ottimo risultato nonostante oggi non sia stata una delle mie giornate migliori.”

Davide Beggio (Husqvarna TE 250): “vorrei poter cancellare la tabella con il riepilogo delle penalità, ma purtroppo non è possibile. In una scivolata ho rotto la pulsantiera del roadbook e oltre a essermi beccato la penalità per essere fuori nota, ho anche saltato un controllo timbro. Era sicuramente la mia gara. Se prendiamo i tempi delle due prove e del fettucciato, nella generale mi sarei piazzato dietro Jacopo (Cerutti). Io e la moto eravamo una cosa sola, ho guidato alla grande e mi sono reso conto che oggi più di me ne aveva solo Cerutti. Devo ancora migliorare un po' nella navigazione e a Rapolano spero di ripetere le prestazioni di oggi, cercando di evitare la tabella delle penalità!”

Niccolò Pietribiasi (Husqvarna 701 Enduro): “sono passato da una 300 2T a una 700 4T. Due moto opposte e ho usato questa gara per capire la 701. Ho corso con una moto di serie…compreso l’abs e lo scarico. L’unica cosa che ho fatto è stato sistemare le sospensioni. Ero dubbioso su come sarebbe andata, ma alla fine della giornata l’ho amabilmente definita una ‘pacioccona con grinta’. Sul dritto è meravigliosa, segue la traiettoria e non ha problemi sugli ostacoli. Nello stretto risente del peso e della lunghezza ma non è così impegnativa come può sembrare. Il terreno di oggi era impegnativo con un fondo viscido, ma la moto ha una trazione incredibile e mi ha portato fuori anche dalle situazioni più complicate. Non puntavo alla classifica è ovvio, puntavo a capire il mezzo. Posso sicuramente dire che lavorandoci un po', con la 701 ci si potranno togliere molte soddisfazioni. Volevo ringraziare Husqvarna Italia per aver dato a me e al Team Solarys la possibilità di portarla in gara.”

Classifiche disponiili su: http://www.motorallyraidtt.it/classifiche/

 

Gianluca Belleri