Solo Enduro - la casa degli Enduristi italiani

sei in:  notizie  |  California Dreaming

California Dreaming

Day 5 - 6

pubblicato


Day 5  Competitive Edge 

 
I muscoli e la tensione si si sono sciolti, dopo la giornata passata alla Elsinor cross Park si è liberata la mente, quindi, siamo pronti per un'altra giornata d’azione. Oggi tocca al Park Competitive Edge.

Appena ci affacciamo sulla vallata, possiamo vedere dove l’impianto è situato, la vista ti toglie il fiato!
Le piste di cross sono molte nel comprensorio e dall’alto in particolar modo si notano le piste principali, la National e la Veteran. La pista principale (National) è ancora zuppa d’acqua, a causa delle forti piogge dei giorni scorsi. La pista Veteran è la più asciutta, perciò molti piloti, anche quelli esperti, scelgono quella per allenarsi.

Oggi condividiamo il tracciato con un campione di tutto rispetto, per noi sarà un onore ma anche un imbarazzo.

 Kevin Strijbos con la sua Suzuky “quasi originale” sta già girando ed inanella giri su giri con una velocità strabiliante! Noi ci gasiamo solo ascoltando il motore della sua moto girare a mille.

La giornata è davvero splendida ed il sole pian piano asciuga anche la pista principale, tanto che il pomeriggio decidiamo di provare anche la National, quindi giornata a pieno gas.
A forza di inanellare giri riesco ad affinare un poco di più la tecnica sui salti, e la moto che uso, una Yamaha wrf 450 2015 mi da grandi soddisfazioni. Arriva sera e stanchi morti ci cambiamo e saliamo in macchina per rientrare a casa. Durante il viaggio ci dicono che avremo un ospite a cena. Arriviamo e ad aspettarci troviamo un ragazzino di 16 anni di nome Lorenzo Camporese, Lorenzo è una giovane promessa italiana del Supercross, per noi è una grande sorpresa conoscere questo ragazzo! Questo sedicenne ha intrapreso un avventura non da poco e sicuramente riuscirà a tener alto i colori azzurri in terra americana.

 

 

Day 6 Cahuilla creek     

Dopo le giornate passate siamo proprio caldi e pronti a tutto, crossisticamente parlando! La meta odierna è la riserva indiana di Agua Caliente, dove vivono i discendenti degl’indiani Cahuilla.
In mezzo a questo fantastico territorio denso anche di storia c’è uno degli impianti più famosi della regione, il Cahuilla Creek .

Il posto è bellissimo, la vallata è davvero incantevole, ma per noi appassionati di motocross lo splendore è l’impianto crossistico. Anche qui ci sono tutte le piste possibili ed immaginabili, con tracciati diversi e terreni diversi. Ma nonostante le molteplici scelte a disposizione, io continuo a prediligere le piste veteran, tracciati questi che si addicono di più alla mie capacità di guida.

La Veteran del Cahuilla Creek è molto veloce, con salti di tutto rispetto da affrontare con dovuta serietà.
La cosa bella di questi impianti è come vengono disegnate le rampe e gli atterraggi. Nelle Veteran puoi tranquillamente provare a forzare senza nessun rischio nell’atterraggio, lungo o corto che sia.

Intanto nella pista “pro” ci sono campioni e amici che si sbizzarriscono con salti e passaggi da veri funamboli. A fine giornata, tra di noi scambiamo considerazioni di guida sulle piste affrontate oggi, normale che la discussione cada su quello che ormai è un punto fisso.

Perché in Italia non si riesce a costruire almeno un impianto come questi? Di sicuro qui hanno degli spazi immensi che noi non abbiamo, terreni così ampi ce li sogniamo in italia.
Poi c’è la teoria del campione. Da noi se dici che giri in una pista veteran tutti ridono. Molti non capiscono che il divertimento degli amatori è quello che fa crescere l’utenza.  Avere spazi e piste a portata di tutti, anche per gente alle prime armi, credo sia importante per far avvicinare ragazzi senza intimidirli, proprio per creare un bacino sempre più ampio di piloti. La giornata finisce con una cena tipica americana, Hamburgher patatine birra e tanto ketchup.

Fedek