Solo Enduro - la casa degli Enduristi italiani

sei in:  notizie  |  L’UNDER23/SENIOR SI TRASFERISCE A FEBBIO

L’UNDER23/SENIOR SI TRASFERISCE A FEBBIO

PER IL TERZO APPUNTAMENTO 2014

pubblicato


Terza tappa del Campionato Italiano Under23/Senior che questo weekend approderà in terra emiliana, grazie al Motoclub Crostolo. Chiamati a difendere il proprio primato tutti i leader di campionato pronti a dare spettacolo con appassionanti sfide all’ultimo secondo.

Il circus motociclistico delle due ruote tassellate si sposta verso il centro Italia, e più precisamente a Febbio, che questo weekend vivrà il giro di boa della stagione 2014 per il campionato italiano Under23/Senior. Si torna nell’accogliente località montana situata in Val D’Asta a due anni dal successo degli Assoluti d’Italia/Coppa Italia con i migliori rappresentanti dell’Enduro nazionale. Questo fine settimana si ritornerà con i giovani atleti del futuro, pronti a scendere in campo per il terzo appuntamento duemilaquattordici.

 Ad ospitare l’evento il Motoclub Crostolo, diretto da Claudio Cocconcelli, alla guida del club emiliano dopo la tragica scomparsa del caro Angelo Iotti, vittima di un incidente nel gennaio 2013. La gara sarà sicuramente contornata da un alone di nostalgia e forti emozioni, in ricordo del compianto “Civo”, che con passione e determinazione portò tra le incontaminate cime di Febbio il massimo campionato italiano nel 2012.

La gara si svilupperà su un anello di circa 50 km con partenza fissata nella zona paddock alle ore 8.00. Non appena scesi dal palco, gli atleti affronteranno un trasferimento che li porterà nei pressi dell’Enduro Test, sviluppato tra i boschi dell’Appenino e alternato da tratti veloci e lenti. La prova sarà molto lunga, circa 10 minuti di cronometrato, ed anticiperà il C.O., localizzato nella frazione di Santonio. A seguire gli atleti giungeranno al Cross Test, sviluppato su un pratone non particolarmente lungo. Il fettucciato sarà affrontato per quattro volte, una in più rispetto alla linea, mentre i giri saranno tre.

CAMPIONATO ITALIANO SENIOR

Il tricolore Senior vede in ogni categoria la supremazia di un solo pilota. In ogni classe infatti, ad imporsi nelle due precedenti prove sono stati gli attuali leader di campionato, che conducono così la generale con 40 punti ciascuno.

Nella E1 2T al vertice troviamo Roberto Rota (KTM 125 2T), seguito da Luca Gualdani (TM 125 2T) e Alessandro Borghi (Yamaha 125 2t), entrambi a 28 lunghezze. Nella E1 4T al comando del campionato c’è il ligure Maurizio Gerini (Husqvarna 250 4t), che si dovrà difendere da Federico Ulissi (KTM 250 4T) e Paolo Bernardi (Honda 250 4t), rispettivamente al secondo e terzo posto con 32 e 30 punti. Diego Nicoletti (Beta 350 4t) è il dominatore della E2, che guida con sei punti di vantaggio su Marco Casucci (KTM 450 4T). Al terzo posto troviamo il portacolori Gas Gas Alberto Serra.

Tra i pretendenti al titolo della E3, al momento troviamo al vertice della graduatoria generale Jacopo Cerutti che su TM 300 2T conduce la categoria davanti a Luca Marcotulli (Gas Gas 300 2t) e Mauro Fiorgentili (KTM 300 2T). Tra le Squadre la scena è tutta per il Trial David Fornaroli, primo tra i club con 114 punti. Lo inseguono il Motoclub Desio e il Motoclub Valdibure Pistoiese.

CAMPIONATO ITALIANO UNDER23

Più movimentato il campionato Under23, dove troviamo alcune categorie darsi battaglia sul filo dei secondi. La 50cc è sicuramente la più interessante, perché nido del futuro dell’Enduro italiano. I protagonisti in questa categoria stanno davvero infuocando la classe; il primo posto è occupato da Andrea Verona (Beta 50), vincitore a Motta Camastra ma attardato nella seconda prova di Bardi. Un solo punto lo divide da Alberto Capoferri (Suzuki Valenti 50 Norelli BG), mentre in terza posizione troviamo Carlo Augusto Cabini (Suzuki Valenti 50).

In rimonta altri due piloti che possono lottare per il titolo finale, Matteo Pavoni (Suzuki Valenti 50 ) e Lorenzo Macoritto (Suzuki Valenti 50), entrambi ritardati da uno zero in Sicilia.

Entusiasmante anche la lotta nella 125 Cadetti dove Jordi Gardiol (KTM 125 2T) e Federico Aresi (KTM 125 2T Diligenti Racing-Treviglio) dividono attualmente la vetta del podio con una vittoria e un secondo posto ciascuno. Ad inseguirlo in terza posizione Mirko Spandre su KTM 125.

Nella E1 2T voglia di riscatto per Davide Soreca (Yamaha 125 2t Team Boano) dopo la trasferta mondiale in Finlandia e Svezia non brillante. A Febbio Soreca si presenta come leader di categoria con un punteggio tondo di 40 punti, seguito da Michele Marchelli (KTM 125 2T GP Motorsport), secondo a 6 lunghezze. Al terzo posto troviamo Riccardo Crippa (Yamaha 125 2t Gaiardoni Moto). Altro punteggio pieno nella E1 4T, dove a dominare la categoria è Jonathan Zecchin. Il pilota veneto si dovrà difendere da Nicolò Bruschi (Honda 250 4t) e Matteo Cavallo (Sherco 250 4t), attualmente secondi a pari punti. Matteo Bresolin (KTM 250 2T GP Motorsport) è il leader della E2, che conduce grazie alle due vittorie nelle precedenti tappe di campionato. Alle spalle di Bresolin troviamo Tommaso Montanari (Diligenti Racing-Treviglio) e Andrea Castellana, entrambi su Husqvarna 250 2t. Interessante la battaglia per il titolo della E3. Al comando si trova in questo momento Mattia Ferrari (Husqvarna 300 2t) con 37 punti, seguito a sette lunghezze di distacco da Umberto Boffa (Husqvarna 300 2t Vittorio Alfieri), protagonista insieme a Ferrari di un intenso duello a Bardi. Il gradino più basso del podio è occupato da Niccolò Scarpelli (Beta 300 2t).

Tra le Lady, primato per Cristina Marrocco (Yamaha 125 2t), seguita nell’ordine da Paola Riverditi (Husqvarna 125 2t) e Romina Dionisi (Husqvarna 250 4t). Tra le squadre un solo punto divide l’Intimiano Natale Noseda e il Trial David Fornaroli, rispettivamente a 104 e 103 punti. Terza posizione per il Motoclub Treviglio. Nei Team leadership per il Diligenti Racing.

Monica Mori - Ufficio Stampa MaxiM