Solo Enduro - la casa degli Enduristi italiani

sei in:  notizie  |  Alex Salvini campione italiano della classe E2 in anticipo

Alex Salvini campione italiano della classe E2 in anticipo

e ad un passo dalla riconquista del titolo assoluto

pubblicato


Troppo bello per essere vero. Alex Salvini conquista anticipatamente con la HM-Honda CRE F450R del Team HM-Honda Zanardo il titolo tricolore della classe E2 in un'atmosfera di vacanze estive sulle Alpi piemontesi, ai mille metri di altitudine di San Giacomo di Roburent (CN). È stato proprio Salvini a riportare sul gradino più alto del podio di questa classe una HM-Honda CRE: le ultime affermazioni della squadra guidata da Franco Mayr e Alessandro Tramelli era stata con Oscar Balletti nel 2008 e nel 2009.

Una staffetta ideale, tra una delle squadre più titolate ed un pilota che in sella alla HM-Honda CRE F450R quest'anno è letteralmente esploso, ed è riuscito a salire ai massimi vertici dell'enduro nazionale e mondiale. Trovarsi in un albo d'oro in cui compaiono nomi leggendari che hanno fatto grande la storia dei Campionati Italiani Enduro, è per Salvini la prima consacrazione che da senso ai tanti sacrifici già fatti quest’anno, insieme al lavoro di una squadra e di tecnici che hanno e che continuano a lavorare duramente per il proprio pilota. Vincere un titolo con una gara di anticipo sulla fine degli Assoluti d'Italia non è un’impresa da poco e da pochi. Vincere come ha fatto Salvini è da campioni e non da tutti. Perché Salvini è stato ancora una volta il migliore; ha fatto sue da “assoluto” quattro delle dodici speciali disputate, finendo tre volte sempre secondo assoluto. Nella E2 ha invece dominato imponendosi complessivamente in otto speciali e concludendo sempre secondo nelle restanti quattro.

Se Salvini ha stradominato la classifica della E2 con un vantaggio di oltre due minuti sul secondo classificato, anche nell’assoluta non ha avuto rivali, lasciandosi alle spalle il francese Tarroux di oltre mezzo minuto.

Per fare suo anche il titolo assoluto, a Salvini ora occorrono solo due punti, visto il vantaggio di ben 18 lunghezze su Oldrati, unico avversario a cui la matematica lascia ancora una piccolina speranza.

Nella grande giornata di Salvini, la gara di San Giacomo di Roburent ha finalmente visto anche il ritorno ai massimi vertici di Simone Albergoni nella E1. Albergoni ha infatti concluso in seconda posizione a poco più di soli tre secondi dal vincitore Oldrati, spiccando il miglior tempo in tre speciali e finendo sette volte secondo. In questa classe ha debuttato con il Team HM-Honda Zanardo il giovane ex crossista triestino Alessandro Batig. Malgrado fosse solo alla sua terza gara nell’enduro, Batig ha stupito vincendo una speciale e terminando sesto.        

 

ALEX SALVINI #9, 1°

“Sono partito subito forte prendendo un buon vantaggio sui miei avversari. Nel corso del secondo giro ho avuto un piccolo problema al mono posteriore ed ho perso parte di questo vantaggio rimanendo però sempre al comando per tre secondi. Nel terzo e quarto giro ho però ripreso il mio passo, creando un bel gap con i miei inseguitori con circa 30 secondi di vantaggio. Comunque perfetto! Per me è il primo titolo italiano di classe, dopo la vittoria Assoluta dello scorso anno. Uno dei tre obiettivi di questa stagione è andato. Adesso devo concentrarmi per l'Assoluta e per il Mondiale a settembre”.

 

SIMONE ALBERGONI #50, 2°

“Dai non è andata male. Sono finalmente contento perché qui sono riuscito a guidare bene e ad attaccare sempre in ogni speciale. Le classifiche dicono che ho migliorato molto i miei tempi e questo mi fa ben sperare per l’ultima parte della stagione. Devo ringraziare la squadra, che anche in questa occasione ha fatto di tutto per essermi vicina e stimolarmi”.

 

FRANCO MAYR, Team Manager Team HM-Honda Zanardo

“Primo campionato di categoria per Alex, che ha gestito bene la gara partendo forte e tenendo il comando con sicurezza. Ha vinto con un buon vantaggio, dimostrando la sua tranquillità e determinazione. Doti che abbiamo già visto quest'anno in altre gare, anche più difficili. Alex ha dimostrato di meritarsi la vittoria e il titolo. La prestazione di Albergoni invece è stata buona, nonostante abbia dovuto cedere il titolo ad Oldrati, ha dato dei segni di miglioramento, vincendo anche delle speciali, ed è finito comunque in una buona posizione Assoluta. In questa gara c'è stato anche il debutto ufficiale dell’ex crossista triestino Alessandro Battig, che si è unito a noi per correre in alcune gare di enduro anche in previsione del prossimo anno. È partito molto forte, vincendo anche una speciale: dopo si è fatto prendere un po’ dall'entusiasmo commettendo qualche errore, ma comunque un esordio positivo!”.

Team HM-Honda Zanardo
Press Office